Proattivi & performattati pari sono!

INTERACTIVE il Virtual Fitness al servizio delle palestre
23 dicembre 2018
UNIVERSAL EDUCATION 2019
1 febbraio 2019
Mostra tutto

Proattivi & performattati pari sono!

PROATTIVI & PERFORMATTATI

 E’ un articolo del sito http://wellnesslifestyle.eu/  che riporta le parole di Pete McCall, esperto statunitense di fitness che collabora con American Council on Excercise, Washington Post, The New York Times, Los Angeles Times, Runner’s World.

Lo consigliamo con piacere e con orgoglio visto che l’articolo annuncia tra le grandi  novità delle nuove stagioni a venire, scelte che Cruisin’ ha prodotto ben 3 anni fa, quando ha pubblicato e distribuito i nuovi programmi PROATTIVI  (che nell’articolo vengono  definiti preformattati) rispetto ai precedenti progetti di programmi precoreografati. La differenza è ben spiegata nell’articolo che sintetizzo nella differenza tra istruttori robotizzati e persone con mente e corpo in condizioni di adattare un programma alla disponibilità del gruppo di lavoro.

Tra le nuove ispirazioni principali che influenzeranno il 2019 ce ne sono diverse che Cruisin’ ha già presentato sul mercato nazionale ed europeo, come al punto 8 dell’articolo il ritorno all’utilizzo dei macchinari isotonici come annunciato due anni fa dai programmi  Cruisin’:”Isotonic Equipment” e “Isotonic Training”, così come il programma “CrossWell” come al punto 5. Le lezioni da 30 minuti del punto 3 decise da Cruisin’ per i programmi “InterActive”, l’approccio dei Group Trainer al punto 1 e gli XTempo Club come il Fit di Altamura della provincia di Bari, il My Fly di Casale M.to e l’Orizzonte Danza della provincia di Alessandria, lo Street Dance della provincia di Bologna, la Creative di Imperia etc etc etc… e la prossima apertura del SGym di Bari.

La creatività è un’attività caotica e le persone creative tendono ad avere menti disordinate , lo sostengono Kaufman e Gregoire e per evitare di smentirli meglio pubblicare un capitolo del servizio, protagonista del post, dove  Abbie Appel  presenter e consulente ACE-Certified Group Fitness Instructor, spiega il  il crescente interesse nel passaggio dal pre-coreografato al pre formattato  (PROATTIVO), così per evitare fraintendimenti e incomprensioni:

La differenza primaria è che nel pre-coreografato l’istruttore deve eseguire un esatta replica del workout messo a punto, mentre la formazione per creare classi pre-formattate fornisce al trainer una struttura di base e gli elementi/allenamenti da mixare insieme per personalizzare il workout seguendo le specifiche esigenze ed obiettivi di ogni gruppo di lavoro. – I Trainer amano avere una guida per i loro corsi ma al tempo stesso vogliono avere la libertà di personalizzare la loro lezione” spiega Abbie “le classi pre-formattate  uniscono il meglio di queste due esigenze”.

 Come si dice sono belle soddisfazioni, forse, forse l’era delle grandi multinazionali è in scadenza, il capitalismo ansima, la globalizzazione arranca e nel vortice della sfrenata tecnologia scopriremo di non essere degli algoritmi e torneremo a chiamarci per nome e ascolteremo solo dischi in vinile….